DaVinci Resolve 16.2.3Disponibile la versione DaVinci Resolve Studio 16.2.3

Panasonic LUMIX BGH1 la camera multiuso in stile BOX

Panasonic ha annunciato la sua telecamera cinematografica più piccola mai realizzata, la DC-BGH1 prendendo un fattore di forma in stile box, estremamente leggera e versatile sia per il cinema che per gli studi multi-camera.

La nuova LUMIX DC-BGH1 si discosta dal solito tipo di fotocamera che potresti essere abituato a vedere dalla divisione Panasonic LUMIX. Ma è sicuramente una scelta di design interessante, con un aspetto non troppo dissimile dalle telecamere box style di Z-Cam. Questo tipo di fattore forma offre alcuni vantaggi utili quando si tratta di configurabilità e capacità di usarlo in un’ampia varietà di circostanze.

Caratteristiche principali di LUMIX DC-BGH1

La nuova camera si basa sulla LUMIX GH5S, una fotocamera con la quale condivide il suo sensore CMOS. Come avrai probabilmente intuito, il BGH1 è basato sul sensore Micro Quattro Terzi ed eredita anche la doppia funzionalità ISO nativa dal GH5S. Questo cambia a seconda del profilo dell’immagine che stai utilizzando, quindi nelle modalità Standard, Cinelike D2 e ​​Cinelike V2 questo è a ISO160 e ISO800, in V-Log è ISO400 e ISO2000, mentre in HLG è ISO320 e ISO1600.

Il Micro Quattro Terzi è una buona scelta come formato di sensore e dell’obiettivo per una camera come questa perché molto probabilmente verrà utilizzata in spazi ristretti, come all’interno delle auto o come camera per animali selvatici remota. Il Micro Quattro Terzi consente un’ampia varietà di scelta dell’obiettivo e l’adattabilità del montaggio dell’obiettivo.

Il sensore ha 10,28 megapixel attivi e ha una dimensione di 17,3 x 13 mm. La fotocamera può catturare una gamma dinamica dichiarata di 13 stop. La BGH1 è una camera progettata come base per la configurazione. Ad esempio, mentre viene fornita con un alimentatore di rete, la batteria è opzionale, anche se è presente uno slot per batterie per batterie AG-VBR59, AG-VBR89 e AG-VBR118.

Formati di registrazione

La nuova camera ha due slot per schede SD, mentre la codifica integrata può essere selezionata tra H.264 e H.265 (HEVC). Con il dispositivo di ingresso audio DMW-XLR1 collegato, l’audio può essere registrato con 96 KHz, fedeltà a 24 bit. La registrazione 4K è possibile fino a 60p, mentre 240fps è possibile in modalità FHD. Proprio come con il GH5S, il video può essere registrato in V-log con la codifica LongGOP a 8 bit o con un codec ALL-intra a 10 bit con bitrate superiore. Ciò include una modalità 24,00 Hz dedicata per la registrazione a 24p di numeri interi reali in 4K UHD o DCI.

Autofocus

L’autofocus della DC-BGH1 è basato sul contrasto con la tecnologia DFD di Panasonic. È dotato di rilevamento del viso, degli occhi, del corpo e degli animali e si basa sull’ultima iterazione del sistema che vediamo nella nuova fotocamera DC-S5. Il dispositivo non presenta nessun sistema IBIS, quindi per la stabilizzazione utilizzerà i sistemi ottici incorporati in alcune lenti. In quanto telecamera in stile box, non dispone di alcuna forma di visualizzazione delle informazioni o monitor. Può trasmettere 3G-SDI o HDMI al tuo monitor esterno o registratore preferito. Ciò riduce il peso e il consumo di energia per coloro che utilizzano il dispositivo in remoto per la registrazione o il monitoraggio da una posizione separata.

Per le configurazioni multi-camera, il BGH1 ha TC IN / OUT con opzioni Rec Run e Free Run con Drop Frame e Non-Drop Frame disponibili. Il codice di tempo può essere emesso sia su HDMI che su SDI. È previsto anche Genlock In. Inoltre, sono disponibili anche le barre dei colori e l’uscita del tono di prova da 1 kHz.

Allo stato attuale, il BGH1 sembrerebbe avere una serie di applicazioni diverse, dal montaggio su drone, al funzionamento remoto, fino alla sua costruzione in una mini macchina da presa cinematografica. Una delle sue principali attrazioni è l’idea del controllo completo per più configurazioni di telecamere e streaming su IP. Sia il controllo della telecamera che l’alimentazione sono possibili in un unico cavo LAN. Questo è conforme ai protocolli PoE +. Utilizzando l’app LUMIX tether è possibile controllare fino a 12 telecamere. Un kit SDK per il controllo della telecamera sarà reso disponibile gratuitamente.

Il monitoraggio può avvenire anche con uno smartphone e utilizzando LUMIX Synch le impostazioni possono essere copiate in remoto tra le telecamere.

La Panasonic DC-BGH1 sarà disponibile da metà novembre al prezzo di € 2.099 tasse incluse. Al momento non abbiamo ancora la camera Panasonic DC-BGH1 per i test e vi forniremo la nostra recensione completa prossimamente.