DaVinci Resolve 16.2.3Disponibile la versione DaVinci Resolve Studio 16.2.3

Kia Motors America gira lo spot con la Blackmagic 12K

Blackmagic Design ha annunciato che lo spot della Kia Motors America, “Emmys® Delivery Training”, per annunciare la trasmissione della 72esima edizione degli Emmy Awards è stato girato interamente con le camere Blackmagic Design, ed è uno dei primi progetti che si avvale della nuova camera Blackmagic URSA Mini Pro 12K.

Il direttore della fotografia Vance Burberry non è nuovo a progetti insoliti e complessi. Con una carriera che spazia tra una vasta gamma di spot pubblicitari, documentari, e progetti narrativi, e include anche la passione per la fotografia subacqua, Burberry ha messo alla prova con successo le camere Blackmagic nelle più diverse circostanze. Quando però gli è stato chiesto di girare lo spot della Kia – una storia leggera sulla consegna della statuetta degli Emmy ai vincitori nel corso della pandemia del 2020 – sapeva bene che per garantire la copertura in una serie di circostanze ben poco ideali, in un sola giornata di riprese, il tempo gli sarebbe stato tiranno.

“Ho parlato col regista del progetto, Glenn F Clements il giovedì, e il lunedì successivo dovevamo girare”, ha rivelato Burberry. “Inoltre il finishing e la consegna dello spot andavano ultimati entro il fine settimana”.

La compagnia di produzione degli Emmy Awards, Done & Dusted, ha ingaggiato alla guida del progetto la produttrice Lindha Narvaez della Milkt Films. Lo spot include scene di narrazione classiche, riprese dentro le auto, e alla guida. Burberry ha deciso di affidarsi a un kit camera targato Blackmagic per poter attingere a una vasta gamma di formati.


“I tempi erano talmente ristretti che abbiamo deciso di usare due 12K per il dialogo, e poi ne ho anche montato un’altra su un rig Ultimate Arm. La Pocket 6K è stata usata per le riprese alla guida, e le Pocket 4K per le scene all’interno dell’abitacolo”, ha continuato.

Il DIT Ben Crump ha organizzato i file salvati in due schede CFast 2 e usato DaVinci Resolve Studio sul set per la transcodifica delle immagini per il montaggio, oltre a sincronizzare i giornalieri con lo strumento Auto Sync di Resolve. I filmati venivano inviati più volte al giorno agli editor, anche loro col fiato sul collo per consegnare il lavoro entro i tempi richiesti.

Burberry non ha trovato ostacoli nel lavorare con tre diverse camere, grazie al fatto che tutte condividono la scienza del colore di quinta generazione Blackmagic Design. “È stato fantastico sfruttare la Gen 5 color science sulle tre camere 4K, 6K e 12K. Ogni ripresa, a prescindere dalla camera, combacia perfettamente”.

Per via dei tempi ristretti Burberry si è dotato di un back up aggiuntivo usando i monitor Blackmagic Video Assist per registrare file, sincronizzabili facilmente con l’audio, da inviare subito agli editor. “Il back up è stato sensazionale, perché abbiamo potuto continuare a inviare agli editor le transcodificazioni DNxHD anche quando per qualche ragione c’era un intoppo”, ha aggiunto Burberry.

Lo spot finale verrà mandato in streaming in HD, ma il cliente voleva la consegna in 4K. Burberry ha girato in piena risoluzione sulle Pocket Cinema e in 8K su URSA Mini Pro 12K, optando per Blackmagic RAW a qualità costante Q0 per le Pocket 6K e le Pocket 4K, e Blackmagic RAW a bitrate costante 5:1 sulle 12K. È stato anche piacevolmente sorpreso di poter convertire con facilità il 12K in 8K senza ritagliare le immagini. “Come avrete intuito, io mangio pane e cinema. Giro film da così tanto tempo che le lunghezze focali sono ormai una deformazione professionale, e sapere che un obiettivo Prime 40mm è perfetto a 12K, 8K o 4K ha davvero dell’incredibile”.

Per essere la prima esperienza professionale con il 12K, Burberry è rimasto entusiasta della qualità.

“Ecco cosa adoro di URSA Mini Pro 12K”, ha svelato Burberry, “cosa mi ha lasciato a bocca aperta e cosa trovo straordinario in questa camera. Blackmagic ha realizzato un sensore 12K che non ha l’apparenza di un sensore 12K, ma ne possiede tutte le informazioni senza che l’immagine abbia un aspetto sgradevole. Ha un aspetto quasi cinematografico che mi lascia basito. In passato, se qualcuno mi parlava di K e pixel di grandi dimensioni, m’inalberavo subito. Questa camera mi ha fatto cambiare idea”.

Dopo aver completato l’editing, il progetto è stato conformato su DaVinci Resolve Studio. Con la sincronizzazione jam-sync del timecode su tutte le camere, mantenuta anche in fase di post, per conformare il lavoro è bastato riconnettere rapidamente le clip agli originali. Il colorista Marshall Plante della Olio Creative ha realizzato la correzione colore finale.

“Abbiamo corretto l’intero spot da 75 secondi in una mattinata, di venerdì”, ha continuato Burberry. “Abbiamo iniziato alle 9 e alle 13.15 stavamo già esportando il file finale”.

Plante è rimasto piacevolmente sorpreso delle prestazioni dei file 12K. “Il sensore è fantastico, produce immagini mozzafiato. Anche spingendo al limite il colore e la gamma dinamica, non si compromette minimamente la qualità. Il colorista non ha avuto difficoltà a far combaciare le immagini in 4K, 6K e 12K, e si è meravigliato della velocità del processo di conformazione dichiarando: “È stato sin troppo facile!”.

Qualsiasi nuova camera può avere un battesimo di fuoco quando si usa per la prima volta in una produzione, ma Burberry è rimasto soddisfatto di URSA Mini Pro 12K.

“Ha fatto un lavoro egregio. Il sensore è fantastico, e le immagini di qualità spettacolare. Ogni camera ha funzionato alla perfezione, e come può confermare chi ha assistito alla cerimonia degli Emmy, abbiamo fatto un ottimo lavoro e rispettato i tempi di consegna”.