DaVinci Resolve 16Disponibile la nuova Beta 4 DaVinci Resolve Studio 16

IL CORTO DI FANTASCIENZA ZERO GIRATO CON URSA MINI PRO

Blackmagic Design ha annunciato che Zero, il nuovo cortometraggio di fantascienza dell’acclamato duo di registi inglesi The Brothers Lynch, è stato girato con URSA Mini Pro. Con Bella Ramsey (Il trono di spade) nel ruolo di protagonista, Zero è stato presentato a New York al Tribeca Film Festival 2019, mentre il debutto europeo avverrà al festival del cinema di fantascienza SciFi London.

Per riflettere i temi post apocalittici del film attraverso le riprese, Keith e David Lynch hanno collaborato con il direttore della fotografia Adam Etherington che ha all’attivo tra gli altri Gwen e Poldark.

URSA Mini Pro è stata la scelta ideale”, ha dichiarato David Lynch. “Anche con un budget da film indipendente abbiamo ottenuto il massimo dalle immagini girando in RAW. Il genere fantascientifico ha ovviamente richiesto effetti visivi in molte riprese, e poter girare a piena risoluzione ci ha permesso di ottenere master DPX a 10 bit, per una maggiore flessibilità e precisione in post produzione”.

Secondo Etherington il corpo compatto e leggero di URSA Mini Pro ha consentito alla troupe di soddisfare le esigenze di un set particolare come quello di Zero. “Il corto è stato girato per la maggior parte in questa bellissima vecchia casa fatiscente, che funge allo stesso tempo da rifugio e da prigione ai protagonisti” ha spiegato il DOP.

“All’inizio avevamo pensato di girare interamente il film usando slider e dolly, ma muoversi nella casa si è dimostrato proibitivo. Abbiamo quindi deciso di filmare gran parte del lavoro a spalla. Abbiamo optato per un set di ottiche MK2 Zeiss Super Speed che ci ha fornito numerose opzioni di lunghezza focale. Con apertura T1.3 l’obiettivo si è dimostrato tempestivo, offrendo immagini molto più soffuse e quindi più in linea con il nostro desiderio di far sentire al pubblico un’affinità con il personaggio principale.

Ci siamo anche affidati a un piccolo pacchetto di luci giorno HMI da 2.5K e 4K posizionate all’esterno della location. È stata in parte una scelta creativa, fatta anche per sfruttare il potenziale del sensore della camera che avevamo testato prima delle riprese.

“Visto che abbiamo girato a spalla, è stato cruciale offrire ai registi la massima libertà di movimento senza interferire troppo con le luci”, ha continuato Etherington. “Abbiamo deciso di attenuare la luce che arrivava dalle finestre e usare le luci direttamente, creando così una luce direzionale intensa per dare spazio di manovra alla troupe e al cast e allo stesso tempo intensificare il senso di claustrofobia impedendo la vista del mondo esterno.

Abbiamo davvero spinto URSA Mini Pro al limite. La sua latitudine e gamma dinamica ci hanno consentito di passare velocemente alle zone di luce per nascondere la presenza del mondo esterno. Ci hanno anche dato la libertà creativa di usare il contrasto esistente per avvolgere e plasmare la luce”.

Ideata come storia a sé stante finanziata da Gunpowder & Sky per il canale di fantascienza DUST, i due registi sono attualmente impegnati nello sviluppo del corto in un lungometraggio.