DaVinci Resolve 16Disponibile la nuova Beta di DaVinci Resolve Studio 16.1

La Blackmagic URSA Mini Pro G2 vale l’aggiornamento?

Prendete una videocamera di qualità in grado di registrare in Raw, modificatela in modo che possa offrire un frame rate più elevato, aggiornatela poi con l’ultima color science e conservate lo stesso prezzo di listino ! Questa è la formula che è stata applicata alla Blackmagic Ursa Mini Pro 4.6K G2, una delle camere cinematografiche più performanti e convenienti che si possono acquistare oggi, ma vediamo perché !

La Blackmagic Ursa Mini Pro 4.6K G2 condivide gli stessi controlli intuitivi del modello precedente, ma in questo modello di nuova generazione beneficia di una nuova elettronica veloce e di un nuovo sensore di immagine HDR Super 35 4.6K che offre fino a 15 stop di gamma dinamica. Il vecchio CinemaDNG Raw è scomparso ed è stato sostituito dal Blackmagic Raw e soprattutto, questo consente alla fotocamera di registrare fino a 300 fps.

Durante l’utilizzo del Blackmagic Raw la Blackmagic Ursa Mini Pro 4.6K G2 si anima davvero, sbloccando non solo i frame rate più alti, ma anche la qualità dell’immagine, inoltre dispone dei metadati e di una elaborazione altamente ottimizzata, questo consente persino di modificare il BRaw su un portatile MacBook Pro anche non recentissimi.

Prestazioni
La cattura delle immagini usando a pieno il sensore 4.6K può arrivare ora a 120fps, mentre in 4K DCI / 4K UHD ad un massimo di 150fps e a 2K DCI e 1080 HD i modalità ritagliata a 300fps, utilizzando il formato Blackmagic Raw. Quando si registra in ProRes 422HQ, questo scende a 4.6K 80fps, 4K con il ritaglio a 120fps e 240fps con ritaglio HD. La velocità di HD a 240 fps la stessa che si può trovare su Sony FS5, che è molto apprezzata per il suo impiego in riprese di sport e fauna selvatica. Ma la Sony non può farlo in ProRes 4:2:2 in camera, il suo codec interno è scarso.

Blackmagic Raw ti consente di conservare i vantaggi di lavorare in Raw, come la flessibilità di regolazione del bilanciamento del bianco e di salvataggio di luci e ombre, nonché di controllare con precisione la nitidezza. Ma mentre con molti formati Raw il flusso di lavoro diventa molto difficile a casa di file ingombranti, la soluzione Blackmagic è di offrire con il BRaw qualcosa di facile da gestire e da modificare, grazie anche alla versione completa gratuita del software DaVinci Resolve Studio fornito con la Blackmagic Ursa Mini Pro 4.6K G2.

Naturalmente, esiste una curva di apprendimento per l’utilizzo di qualsiasi software e bisogna imparare come ottenere il meglio dai file. Ma il software DaVinci rende il tutto indolore e possibile. Rispetto il rivale Apple ProRes Raw, il Blackmagic Raw è un codec più efficiente, anche del CinemaDNG e può essere trattato come fosse un codec ProRes convenzionale, anche se con una qualità superiore ed un maggiore controllo.

Rolling shutter 
La lettura dal sensore sulla Blackmagic Ursa Mini Pro 4.6K G2 è molto migliorato rispetto al modello precedente, quindi il rolling shutter è molto ridotto. Questo artefatto visibile quando si usano movimenti rapidi o con oggetti in movimento, fa si che gli oggetti possono apparire inclinati. Ma la Ursa Mini Pro 4.6K G2 lo gestisce bene, si può vedere un po’ di piegatura ovviamente, ma nell’uso normale non è un grosso problema.

Il nuovo sensore dispone di una nuova elettronica che consentono a alla Blackmagic Ursa Mini Pro 4.6K G2 di disporre anche una nuova color science di quarta generazione, dove il miglioramento dei colori è evidente, specialmente nelle tonalità della pelle. Questo è visibile quando si utilizza il Blackmagic Raw a 12bit, che è progettato per fornire la massima quantità colore e gamma dinamica. I colori sono realistici e incisivi ma non saturi o dall’aspetto “digitale” come una camera molto più costosa.

La Blackmagic Ursa Mini Pro 4.6K G2 ora consente anche di incorporare LUT 3D nelle clip Raw, un nuovo controllo delle impostazioni LUT in DaVinci Resolve lo rende più semplice che mai ed elimina le congetture dalle riprese in Raw. Si può anche scegliere codec standard simili a video o gamme cinematografiche più piatte nei menu.

Riprendendo in Raw con luce contrastata ed esponendo per mantenere i dettagli delle alte luci, i dettagli delle ombre nascoste sono incredibili e si può davvero gestirli in post con quasi nessun rumore. Con una gamma ISO estesa da 200 al nuovo massimo di 3200, non è ancora un mostro di scarsa luminosità, ma eccelle in condizioni di illuminazione controllata o in condizioni di luce naturale, soprattutto in condizioni contrastanti di pieno sole.

Filtri ND
Un’altra novità del Blackmagic Ursa Mini Pro 4.6K G2 sono i filtri ND migliorati con compensazione IR, a due, quattro e sei stop di arresto, progettati per adattarsi al modo in cui la fotocamera elabora il colore e compensare uniformemente le lunghezze d’onda del rosso lontano e dell’infrarosso per eliminare la contaminazione IR. A differenza del sistema di filtri ND variabile di Sony, che è elettronico, il Blackmagic Ursa Mini Pro 4.6K G2 utilizza i tradizionali filtri ottici che si spostano in posizione quando si gira il quadrante del filtro ND.

L’ultima novità è la connessione USB-C sul lato sinistro del corpo, dove ora si può collegare un SSD di grande capacità per la registrazione esterna come avviene sulla Pocket Cinema 4K e 6K. Mentre se si vuole registrare internamente, ci sono le doppie slot, CFast 2.0 e per schede SD UHS-II, che si può selezionare con un piccolo interruttore a levetta. Le schede CFast sono indispensabili per la registrazione a piena risoluzione con il Blackmagic Raw a 12bit, mentre le schede SD UHS-II sono in grado di registrare Blackmagic Raw 8:1 o 12:1 per Ultra HD e normali file HD. Le schede SD veloci sono ovviamente più economiche, ma le schede CFast 2.0 si stanno abbassando di prezzo poiché sempre più telecamere iniziano a usarle.

Qui sotto trovate l’interessante recensione Video di Garth De Bruno Austin, che mette a confronto la versione G1 con la Blackmagic URSA Mini Pro G2.

La Blackmagic URSA Mini Pro G2 vale l’aggiornamento?

Sono stato fortunato ad aver usato Blackmagic URSA Mini Pro G2 negli ultimi 4 mesi su una serie di progetti diversi. È stata una camera fantastica e mi sono divertito moltissimo a testare i frame rate più alti.

Materiale utilizzato

Disponibilità e Prezzo

La URSA Mini Pro 4.6K G2 e di tutti i prodotti Blackmagic sono disponibili sul sito BL2Store, rivenditore autorizzato Blackmagic Design.

Blackmagic Design URSA Mini Pro 4.6K G2 Digital Cinema Camera

€ 5.192,64 + IVA

URSA Mini Pro 4.6K G2 con Sensore CMOS 4.6K Super 35 HDR, fino a 120 fps a 4,6K, 300fps a 1080p, 15 stop di gamma dinamica a 3200 ISO, porta di espansione USB-C per dischi esterni, CinemaDNG e ProRes 444 & 422 Registrazione, Dual CFast 2.0 e slot per schede di memoria SD, uscita 12G-SDI, ingresso Timecode e REF, 2 ingressi audio XLR con alimentazione Phantom

Disponibile per il noleggio

La Blackmagic Design URSA Mini Pro 4.6K G2 Digital Cinema Camera è disponibile anche a noleggio da BL2Store, se volete testare la qualità di questa camera potrebbe essere il modo migliore averla a disposizione per un vostro progetto, per informazioni scrivete a noleggio@bl2.it