DaVinci Resolve 16.2.3Disponibile la versione DaVinci Resolve Studio 16.2.3

NAB 2017, annunciata Sony α9 la full frame mirrorless pensata per i professionisti

Il NAB 2017 non è ancora iniziato, ma Sony anticipa e presenta la sua rivoluzionaria fotocamera digitale, la sua nuova full frame mirrorless professionale, di cui si era già chiacchierato nei mesi scorsi: α9, questo il nome della fotocamera, mette in campo un sensore da 24 megapixel, un range ISO compreso tra 50 e 204800, una raffica da 20 FPS in RAW e registrazione video 4K.

Dati alla mano, l’ultima nata del marchio giapponese impressiona per un’infornata di scelte tecniche destinate a solleticare non pochi professionisti: i 693 punti AF a rilevamento di fase sul piano focale sono la degna evoluzione di quanto già visto di buono sulla A7 RII, mentre la comparsa di una porta Ethernet farà la felicità di chi è alla ricerca di un trasferimento dati veloce e affidabile.

Se ci si era spesso lamentati dello scarso appeal tra i professionisti delle mirrorless Sony di alta gamma, la nuova A9 potrebbe invertire la tendenza. Per ora possiamo solo ragionare sui numeri, peraltro impressionanti, ma a breve sarà possibile testare con mano quanto di buono l’ammiraglia giapponese ha da offrire.

Un nuovo standard in termini di velocità e precisione di messa a fuoco

Per garantire la velocità da record della nuova Sony α9, si rivela fondamentale la combinazione tra l’originale sensore di immagine Exmor RS a strati da 24,2 MPii, il processore BIONZ X e il chip di acquisizione LSI.

La straordinaria potenza di elaborazione di tali componenti consente un calcolo di AF/AE più veloce, riducendo la latenza della visualizzazione dell’EVF. Il processore e il chip di acquisizione LSI contribuiscono al buffer di scatto continuo esteso che consente ai fotografi di scattare rapidamente fino a 20 fpsiv con monitoraggio continuo dell’AF/AE per un massimo di 362 immagini in formato JPEGvi o 241 in formato RAWv.


L’innovativo sistema AF della fotocamera monitora movimenti complessi e irregolari con una precisione mai vista prima, con il calcolo dell’AF/AE fino a 60 volte al secondox, indipendentemente dal rilascio dell’otturatore e dall’acquisizione del fotogramma. Inoltre, quando scatti una foto e viene, quindi, rilasciato l’otturatore, il mirino elettronico funziona senza interruzioni[xii] , per soggetti fluidi in modalità Live View. Tale opzione unisce tutti i vantaggi del mirino elettronico all’immediatezza che nemmeno i mirini ottici di qualità superiore possono garantire, ed è disponibile in tutte le modalità di foto[xiii] come lo scatto continuo ad alta velocità di 20 fpsiv.

Con 693 punti AF a rilevamento di fase sul piano focale che coprono circa il 93% del fotogramma, la fotocamera offre una messa a fuoco precisa e infallibile nelle situazioni in cui potrebbe essere difficile da ottenere. Il sistema AF rapido ibrido, che associa la velocità e le prestazioni eccellenti dell’AF a rilevamento di fase con la precisione dell’AF a contrasto, garantisce una velocità di circa il 25% in più rispetto all’a7R II, per immortalare tutti i soggetti in rapido movimento.

Funzionalità professionali in un corpo compatto

La nuova fotocamera full-frame di Sony dispone di tante funzionalità ottimizzate che le conferiscono uno stile professionale.

La Sony α9 è dotata del mirino Quad-VGA OLED Tru-Finder ad alta luminosità e risoluzione con circa 3.686.000 punti, per una riproduzione estremamente accurata e realistica dei dettagli. Il nuovo Tru-Finder, il mirino dalla risoluzione maggiore che Sony ha inserito in una fotocamera ?, vanta un design ottico con elemento asferico su due lati, per ingrandimento 0,78x e livello di nitidezza semplicemente eccezionale da un bordo all’altro. L’EVF dispone di un rivestimento ZEISS® T*, che riduce il riflesso, e di un rivestimento al fluoro sulla lente esterna che, invece, protegge dallo sporco.

Tutto questo si aggiunge a una luminanza pari al doppio rispetto all’XGA OLED Tru-Finder dell’?7R II, per un’immagine nel mirino quasi della stessa luminosità della scena reale in grado di offrire un’esperienza di scatto naturale. La frequenza fotogrammi del Tru-Finder è personalizzabile, con opzioni da 60 fps o 120 fpsxiii da scegliere in base all’azione.

L’α9 è dotata dell’innovativa stabilizzazione dell’immagine a 5 assi che assicura un vantaggio di 5 step sulla velocità dell’otturatoreix, permettendo di sfruttare al meglio la potenza completa del nuovo sensore, perfino in condizioni di illuminazione impegnative. Basta premere a metà il pulsante dell’otturatore per monitorare l’effetto della stabilizzazione dell’immagine nel mirino o sullo schermo LCD, per una verifica costante di inquadratura e messa a fuoco.

L’?9 offre inoltre una porta Ethernet (terminale LAN cablato), per trasferire in comodità le foto su un server FTP specifico ad alta velocità, rendendo il dispositivo ideale per la fotografia in studio, le notizie di alto profilo e gli eventi sportivi, tra gli altri. È anche presente un terminale di sincronizzazione, che permette di connettere direttamente unità flash esterne e cavi per la sincronizzazione dei flash.


Nuove funzionalità per una migliore velocità

La nuova α9 di Sony offre numerose funzioni di messa a fuoco nuove e migliorate che facilitano e velocizzano la messa a fuoco in numerose situazioni. La fotocamera offre un joystick di multiselezione sul retro, per cambiare facilmente messa a fuoco all’interno dell’inquadratura premendo i pulsanti verso su, giù, sinistra o destra quando si scatta nelle modalità di area di messa a fuoco Zona, Spot flessibile o Spot flessibile allargato. Il nuovo modello offre inoltre la messa a fuoco touch sul retro dello schermo LCD per semplificare la selezione e il cambio della messa a fuoco verso il punto o il soggetto desiderato.

Tra le novità nella famiglia di fotocamere con attacco E di Sony, l’α9 include manopole separate per la modalità Drive e la modalità di messa a fuoco, nonché il nuovo pulsante “AF ON” la cui pressione attiva l’autofocus direttamente in scatti e riprese.

Altre novità includono la “Registrazione dell’area AF”, che permette di memorizzare e richiamare le aree di messa a fuoco utilizzate di frequente assegnando loro dei pulsanti personalizzati, e la possibilità di assegnare impostazioni specifiche (esposizione, velocità dell’otturatore, modalità Drive, ecc.) a un pulsante personalizzato, per poterle richiamare istantaneamente quando occorre. La fotocamera può memorizzare e richiamare automaticamente l’ultimo punto di messa a fuoco con orientamento verticale o orizzontale, per tornarvi all’istante quando si utilizza lo stesso orientamento.

La funzione “Menu personale” offre un ulteriore livello di personalizzazione, poiché permette di memorizzare fino a 30 voci in un menu personalizzato per richiamarle all’istante quando serve.

Doppia durata della batteria e doppia memoria

L’innovativa fotocamera α9 include una nuova batteria di Sony (NP-FZ100) con 2,2 volte la capacità dei modelli full-frame precedenti di Sony e prestazioni di scatto molto più estese.

Progettata in seguito alla raccolta di numerosi feedback da parte dei clienti, la nuova fotocamera offre due slot per supporti di memoria, tra cui uno per supporti UHS-II. È possibile registrare gli stessi dati simultaneamente su entrambe le schede o scegliere se separare RAW e JPEG o foto e video. È inoltre possibile registrare i video simultaneamente su due schede per il backup o una gestione più efficiente dei dati.

Sensibilità elevata e ampia gamma dinamica

Il design unico del sensore di immagine dell’α9 rappresenta il culmine dell’esperienza tecnica di Sony. Il sensore CMOS full-frame a strati da 24,2 MPii è retroilluminato, permettendo di catturare il massimo della luce e produrre una qualità dell’immagine eccezionale e realistica. Il sensore offre inoltre l’uso di una gamma ISO diversificata che va da 100 a 51.200, espandibile a 50–204.800[xiv] , per una qualità dell’immagine ottimale con disturbi ridotti al minimo a tutte le impostazioni.

Il processore BIONZ X ottimizzato gioca un ruolo importante nella qualità dell’immagine, dato che aiuta a ridurre al minimo i disturbi dovuti alla gamma di sensibilità più elevata, riducendo al contempo l’esigenza di limitare la sensibilità ISO in situazioni in cui è richiesta una qualità dell’immagine massima.

La nuova α9 supporta anche i contenuti RAW 14 bit non compressi, per permettere agli utenti di ottenere il meglio dalla gamma dinamica ampia del sensore.


Riprese video 4K Ultra HD

La nuova α9 può essere usata come videocamera dalle funzionalità complete poiché offre le riprese video 4K Ultra HD (3840 x 2160p) che sfruttano la larghezza completa del sensore di immagine full-frame[xv] . Quando si riprende in questo formato, la fotocamera effettua una lettura completa dei pixel senza pixel binning per registrare informazioni 6K, sovracampionandole per produrre video 4K Ultra HD di qualità con dettagli e profondità eccezionali. È inoltre possibile riprendere nel diffuso formato Super 35 mm.

Infine, la fotocamera è in grado di riprendere video Full HD a 120 fps e massimo 100 Mbps, che possono essere visionati e trasformati in file video slow motion 4x o 5x con risoluzione Full HD e tracking AF[xvi] .

Prezzi e disponibilità

Il debutto sul mercato della Sony α9 è previsto per giugno, a un prezzo che dovrebbe aggirarsi sui 5.000 euro per il solo corpo macchina.

One Comment